Visualizza allegati:


 
DOCUMENTI SENTENZE
Accreditamento: Atto di indirizzo 2018 Sentenza Tribunale n.ro 20018 del 2017
(Cure Palliative)
  Sentenza Cassazione n.ro 7248 del 2018
(Risarcibilità del paziente)
  Sentenza Cassazione n.ro 7250 del 2018
(Il decalogo sul danno biologico)
  Sentenza Cassazione n.ro 7260 del 2018
(La cartella clinica incompleta)
  Sentenza Cassazione n.ro 7513 del 2018
(Violazione del dovere di informazione)
  Sentenza Cassazione n.ro 9180 del 2018
(Consenso informato)
  Tabelle Tribunale Milano Danno non Patrimoniale Anno 2018
  Sentenza Cassazione n.ro 18334 del 2018
(Il primario non è responsabile delle colpe dei medici subordinati a cui ha affidato il paziente)
  Sentenza Cassazione n.ro 9806 del 2018
(Consenso informato: a volte basta un “disegno”. La Cassazione conferma l'assoluzione di un medico estetico)
  Cassazione ordinaria n.ro 10158 del 2018
(Radiologo non è responsabile per diagnosi tardiva che spetta ad altri specialisti)
  Sentenza Cassazione ordinaria n.ro 10608 del 2018
(Consenso informato sanitario: il vademecum della Cassazione)
  Sentenza Cassazione ordinaria n.ro 21868 del 2018
(Non c’è responsabilità medica se alla dimissione il paziente non stava male)
  Sentenza Cassazione ordinaria n.ro 22007 del 2018
(Responsabilità sanitaria. In un’équipe la “colpa” è di tutti perché ognuno deve assicurarsi che l’altro svolga bene il suo dovere)
  Sentenza TAR Lazio n.ro 6013 del 2018
(La durata della visita è esclusiva competenza dello specialista)
  Sentenza Cassazione n.ro 25976 del 2018
(Intramoenia. Se il medico non ha autorizzazione formale e non versa quota all’azienda è peculato. Cassazione condanna cardiologo)
  Sentenza Cassazione n.ro 27420 del 2018
(Sospeso dall’esercizio della professione un medico per aver curato un paziente - poi deceduto - solo con l’omeopatia)
  Sentenza Cassazione n.ro 29133 del 2018
(Responsabilità medica. Cassazione ribadisce importanza del riferimento alle linee guida e condanna due medici)
  Sentenza Cassazione n.ro 15749 del 2018
(Informare in modo corretto il paziente è sempre fondamentale, a prescindere dall’esito delle cure)